Spesso quando si è in dolce attesa ci sentiamo ripetere: “Sei più bella: si vede che sei incinta!”. E c’è del vero: l’aumento degli estrogeni rende, infatti, la pelle più luminosa, liscia, idratata, e quella luce si riversa su tutto il volto, rendendolo, in questi mesi, particolarmente radioso. Ma attenzione, non ci sono solo lati positivi. In gravidanza la nostra pelle è soggetta a variazioni ormonali ed è più delicata e particolarmente sensibile alle aggressioni esterne, prima fra tutte, quella dei raggi solari. Iperpigmentazione, piccoli angiomi e smagliature sono dietro l’angolo, ma basta dotarsi delle tante armi di bellezza a disposizione per allontanare o contenere questo rischio.

MACCHIE, SMAGLIATURE E PELLE SECCA: COME CONTRASTARLE

All’improvviso sul tuo volto sono comparse delle macchie scure o piccoli angiomi? Non c’è da preoccuparsi, è abbastanza normale durante la gravidanza. Questi angiomi dovrebbero sparire da soli entro qualche mese dal parto, mentre le macchie, dovute all’aumento dell’ormone che stimola la melatonina, sono più frequenti in questi mesi. Si parla, infatti, di cloasma gravidico: macchie scure sulla fronte, naso e guance. Come detto, scompaiono generalmente dopo il parto, ma possiamo prevenirle utilizzando un fotoprotettore alto e proteggersi dal sole indossando, all’aperto, occhiali e cappello.

Oltre alle macchie, spesso compare anche il prurito, soprattutto nella zona addominale, dove il fastidio aumenta con la naturale crescita del pancione. Per prendersi cura della pelle e della sua elasticità durante tutti i 9 mesi, bisogna idratarla intensamente e di frequente, lungo l’arco della giornata e alla sera, prima di metterci a letto. Il consiglio è quello di applicare creme e oli appositi, efficaci anche contro le smagliature, un inestetismo assai diffuso durante la gravidanza e legato proprio ai cambiamenti che interessano la pelle con la crescita del feto.

Le smagliature possono essere prevenute con efficacia scegliendo trattamenti ad hoc, in grado di elasticizzare la cute ed evitando il prurito legato alla secchezza. Quelle di colore rosso, in particolare, sono le smagliature ancora in fase di formazione sulle quali si può agire attraverso l’idratazione.

Chi ha sempre sofferto di pelle grassa e impura, riscontrerà dei miglioramenti durante i nove mesi di gravidanza: imperfezioni e acne di solito migliorano grazie all’aumento degli estrogeni, a volte però, la situazione può anche peggiorare. Brufoli, brufoletti e punti neri possono comparire, specialmente su fronte, guance e mento. In questo caso è importante dedicarsi a trattamenti mirati sia nella fase di pulizia della pelle, sia nella fase di idratazione.

Infine, è bene ricordare che in farmacia ci sono molti trattamenti dedicati a chi ha la pelle sensibile e alcuni sono specificatamente formulati proprio per chi è in dolce attesa.

Nella scelta, fatevi aiutare dal farmacista, consulente di salute e bellezza e ponete sempre attenzione agli ingredienti. La pelle di una donna in gravidanza è molto più delicata e merita formulazioni che sappiano rispettarla.

Lafarmacia n°2 Maggio – Giugno 2020

Autore articolo: Chiara Verlato