Come prevenire e contrastare i disturbi circolatori e la cellulite

Con la bella stagione le gambe tornano in primo piano, ma mostrarle o non mostrarle è un dilemma per molte donne, a causa di problemi circolatori che possono mettere in evidenza alcuni difetti e fastidiosi disturbi. Edema, pesantezza, crampi notturni, teleangectasie, varici e cellulite sono i principali disturbi che affliggono soprattutto le donne. Alla base di questi fastidi c’è l’insufficienza venosa che colpisce circa il 50% delle donne italiane in varia misura.

Quando le vene perdono tono

L’insufficienza venosa è caratterizzata da un inefficiente reflusso del sangue dalla periferia al cuore e da una perdita di elasticità e permeabilità dei vasi. Affinché questa patologia non si trasformi in una forma cronica, tutti i pazienti affetti da disturbi circolatori di questo genere dovrebbero recarsi dal medico, che con una diagnosi precisa potrà iniziare la terapia farmacologica più adeguata. Ma se i problemi sono di lieve entità e compaiono solamente d’estate, anche in farmacia si può trovare un valido aiuto. I principali consigli che potrà dispensare il farmacista consistono nell’utilizzo di calze contenitive, la scelta di un corretto stile di vita o l’assunzione di integratori a base di estratti vegetali.

Consigli per gambe leggere

  • Svolgere attività fisica regolarmente.
  • Indossare calze elastiche a compressione graduata, specie se si lavora a lungo in piedi.
  • Mangiare soprattutto frutta e verdura di colore viola o blu scuro, che contengono i bioflavonoidi.
  • Ridurre il consumo di sale.
  • Bere due litri al giorno di acqua con basso residuo fisso.
  • Non utilizzare né scarpe troppo alte né troppo basse.
  • Se i capillari sono fragili non esporsi troppe ore al sole.
  • Di notte posizionare un cuscino sotto il materasso a livello dei piedi.
  • Se si soffre di stipsi, assumere fibra vegetale seguita da acqua in abbondanza.

Vein Check

Questo checkup non invasivo si effettua in farmacia e consente di ottenere una valutazione delle condizioni di benessere delle vene degli arti inferiori. Utilizzando un pletismografo a luce riflessa, viene misurato il tempo di riempimento sanguigno del polpaccio. Al termine del checkup venoso, l’operatore fornisce al cliente un report con indicato il tempo di riempimento delle vene dopo lo svuotamento forzato. I risultati ottenuti potranno essere visionati dal farmacista per ricevere una corretta interpretazione e consigli personalizzati.

Gambe senza riposo

Erroneamente scambiata per un sintomo dell’insufficienza venosa, la sindrome delle gambe senza riposo, è una malattia del sistema nervoso che causa la necessità di muovere in continuazione le gambe e talvolta anche le braccia. La causa di questa sindrome è sconosciuta nella maggior parte dei casi, ma chi la sperimenta sa che dormire è molto difficile. Quello che si sa comunque con certezza è che le donne hanno il doppio della probabilità di ammalarsi rispetto agli uomini. Secondo alcuni medici alla base della patologia ci sarebbe uno squilibrio della dopamina. Nei casi lievi di questo disturbo, per migliorare la sintomatologia è possibile apportare alcuni cambiamenti al proprio stile di vita, come ridurre il fumo e il consumo di alcol e caffeina, dormire un numero adeguato di ore, svolgere una regolare attività fisica o dimagrire se si è in sovrappeso.

Gli inestetismi della cellulite

La cellulite non è solo un inestetismo da nascondere, ma una vera e propria sofferenza dei tessuti con cause che risiedono in alterazioni ormonali e metaboliche. Nella formazione della cellulite gioca un ruolo primario una ridotta capacità di drenare i liquidi e un difetto della circolazione venosa e periferica, con aumento della permeabilità dei vasi e conseguente accumulo di essudato nei tessuti sottocutanei, responsabili del caratteristico aspetto a “buccia di arancia”. La cellulite è una patologia a carattere evolutivo e quanto più tempestivamente si interviene migliori saranno i risultati. Tra i rimedi maggiormente utilizzati ci sono gli estratti di piante dotate di proprietà antiedemigene, drenanti, venotoniche e capillaroprotettrici. Tutti questi estratti si possono trovare in varie associazioni anche nella formulazione di creme e gel per massaggi locali.

Regole contro la buccia d’arancia

  • Bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.
  • Non indossare indumenti troppo attillati o stivali stretti sui polpacci.
  • Evitare di accavallare le gambe che comprimono cosce e polpacci.
  • No a fonti di calore eccessivo, come bagni, docce e pediluvi troppo caldi.
  • Evitare cibi grassi, fritti o troppo zuccherati.
  • Praticare regolarmente attività fisica.
  • Combattere la stipsi con fibre vegetali.
  • Curare la cellulite tutto l’anno e non solo un mese prima delle vacanze estive.

 

Autore articolo: Carola Galimberti