È importante dormire un adeguato numero di ore riposando bene. Solo così si riescono a recuperare pienamente le energie fisiche e psichiche consumate durante il giorno. Attraverso il sonno, il cervello regola al meglio i parametri essenziali (cardiovascolari e di termoregolazione corporea), il ritmo sonno-veglia e i delicati bioritmi ormonali a livello neurologico ed endocrino. È stato dimostrato inoltre che un buon sonno regola i livelli delle sostanze addette al controllo del senso di fame e sazietà e perciò anche del peso. Inoltre, dormire bene rinforza i complessi meccanismi del sistema immunitario.

I DISTURBI DEL SONNO

I disturbi del sonno sono riconducibili, secondo gli esperti, a tre tipologie:

  • La difficoltà ad addormentarsi.
  • Il sonno frammentato.
  • Il risveglio precoce con impossibilità a riaddormentarsi.

Le abitudini di vita scorrette hanno poi una notevole influenza sul sonno.

Qualche esempio? Bere troppi caffè, fumare, assumere molti alcolici, lavorare fino a tarda ora, oppure una cena troppo pesante.

LA MELATONINA

Prodotta nelle ore serali, la melatonina è un ormone che svolge le funzioni di regolare i ritmi sonno-veglia.

Se questa produzione non fosse sufficiente, per i più diversi motivi, potrebbe essere utile fornire la sostanza dall’esterno tramite qualche prodotto consigliato dal farmacista

RONCOPATIE E APNEE NOTTURNE

Russare non è solo un fastidio per chi condivide lo stesso letto, ma in certi casi l’abitudine può creare problemi alla salute. Succede quando il russamento (roncopatia) si accompagna ad apnee notturne, cioè brevi momenti di chiusura completa delle vie aeree durante il sonno. Le apnee notturne, o OSAS (Obstructive Sleep Apnea Syndrome), sono pericolose perché possono portare a complicanze anche gravi.

Quali sono i campanelli d’allarme di questo disturbo? Un possibile sintomo di OSAS sono le cefalee tensive al risveglio mattutino. Durano circa un’ora e mezza e poi scompaiono.

Altri sintomi sono:

  • Il russamento abituale e persistente.
  • Pause nel respiro durante il sonno.
  • Stanchezza al risveglio.
  • Insonnia
  • Eccessiva sonnolenza con addormentamento durante il giorno.
  • Difficoltà a concentrarsi.

Chi è in sovrappeso o obeso corre un rischio maggiore di soffrire di apnee notturne. È bene allora tenere d’occhio la bilancia ed eventualmente perdere peso.

Le farmacie del Network Lafarmacia. propongono un servizio di valutazione, diagnosi e cura delle apnee notturne.

 

Di Beatrice Rossi