Spesso le protezioni solari vengono associate al mare e all’estate. Non potrebbe esserci idea più sbagliata! Esistono due tipi di raggi solari in grado di raggiungere il suolo, gli UVB responsabili delle scottature e gli UVA, legati invece all’invecchiamento precoce. Questo ci deve far capire quanto sia importante utilizzare protezioni solari ogni volta che si hanno esposizioni prolungate, qualunque sia la stagione.

Leggere l’etichetta

In commercio sono presenti tantissime protezioni diverse. Saper leggere e interpretare al meglio l’etichetta è fondamentale per acquistare il prodotto migliore. Ricorda sempre di controllare che la protezione sia ad ampio spettro, ovvero che sia in grado di proteggerci sia dai raggi UVA che UVB. Inoltre, è utile conoscere il tipo di filtro utilizzato per schermare la pelle dai raggi. Esistono due tipi di filtri: quelli chimici, che ci proteggono assorbendo la luce UV, e i minerali, che invece ci garantiscono protezione riflettendo fisicamente la luce del sole.

Il fattore protezione

Ora è il momento di scegliere il fattore di protezione migliore per il nostro tipo di pelle. La sigla SPF, riportata sulle confezioni, indica il fattore di protezione solare e ci permette quindi di capire quanto il prodotto sia in grado di schermare o bloccare i raggi solari. In farmacia si possono trovare creme con SPF più o meno alto: si parte da 6, 15, 30, 50, fino ad arrivare a 50+.

Parlare di protezione migliore in generale non ha molto senso, bisogna invece valutare quale sia la miglior protezione in base alle proprie esigenze e caratteristiche cutanee. I fattori che possono influenzare la scelta di un solare sono il colore della pelle, l’età, l’uso di medicinali e la durata dell’esposizione.

I solari

In commercio sono presenti protezioni di ogni genere, scegliere quella con la texture migliore è sicuramente un valido aiuto per incentivarne l’utilizzo. Esistono emulsioni, latti, oli, spray, stick, prodotti specifici per le macchie o per le pelli sensibili. Si possono inoltre trovare creme cosmetiche anti-età con fattore di protezione o addirittura fondotinta liquidi o compatti.

Come si usa?

Ora che sappiamo come scegliere il solare migliore per le nostre esigenze, un’altra domanda che ci dobbiamo sempre porre è come usarlo. Di seguito una piccola guida da tenere sempre a mente quando utilizziamo i solari.

  • Regola numero uno: agitare sempre il flacone prima dell’uso. Spesso le protezioni solari sono sotto forma di emulsione o latte e quindi si potrebbero formare dei depositi.
  • Regola numero due: stendere uno strato sufficiente di prodotto sulla pelle e massaggiarlo bene fino a completo assorbimento, facendo attenzione anche alle zone come naso, labbra o piedi. Regola numero tre: ripetere la protezione ogni due ore.
  • Regola numero quattro: verificare la scadenza. Su ogni flacone vengono indicate due date di scadenza: una riporta giorno, mese e anno e si riferisce alla scadenza del prodotto. L’altra è una sigla composta da un numero ed una lettera (es.6M) riportata all’interno di un disegno stilizzato con un contenitore aperto. Questo simbolo indica il periodo dopo l’apertura entro il quale il prodotto solare può essere utilizzato.
  • Regola numero cinque: chiudere sempre bene il contenitore e non far entrare sabbia all’interno.

L’alimentazione e integrazione

Frutta e verdura ricche di antiossidanti aiutano ad aumentare la protezione cellulare contro il danno da radicali liberi. In questi mesi, iniziare ad assumere integratori che preparino la pelle al sole è sicuramente un’ottima abitudine. Tra i prodotti più venduti ci sono quelli a base di betacarotene, omega3, e vitamine in grado di mantenere la pelle sana. Non dimentichiamoci mai che prevenire è meglio di curare. Vogliamoci bene.

Autrice articolo: Cecilia Boldrini, Farmacia Viserbella, Rimini