Una molecola virtuosa

Esiste una molecola prodotta dal nostro organismo che assolve numerose funzioni sia sugli organi interni sia sulla pelle e sulle mucose. Si chiama acido ialuronico e le donne lo conoscono bene, poiché rientra nella composizione di preparati cosmetici ad azione idratante e anti-age. Non tutti sanno però che ad avvalersi dei benefici effetti offerti da questa molecola ci sono anche le vie respiratorie, l’apparato urinario e le articolazioni.

 

Il migliore amico della pelle

Chimicamente, l’acido ialuronico è uno dei componenti fondamentali dei tessuti connettivi dell’uomo ed è presente in abbondanza a livello del derma. Legandosi a molteplici molecole d’acqua, l’acido ialuronico conferisce idratazione, elasticità e morbidezza ai tessuti, proteggendoli dalle sollecitazioni eccessive e dagli insulti provenienti dall’esterno.

La sua carenza causa un deperimento cutaneo, che promuove la formazione di rughe e inestetismi. La concentrazione dell’acido ialuronico nei tessuti, purtroppo, tende a diminuire con il procedere dell’età e l’unico modo per combattere gli effetti negativi che ne derivano consiste in un suo apporto suppletivo dall’esterno, sia per via orale sia direttamente sulla pelle.

 

I benefici sulla vescica

Il tessuto più superficiale della vescica è denominato urotelio. Esso è rivestito dai glucosaminoglicani (GAGs), lunghe catene costituite prevalentemente da zuccheri, che svolgono la funzione di rendere impermeabile la parete vescicale, evitando che sostanze tossiche e microrganismi contenuti nelle urine, possano essere riassorbiti.

Tra i GAGs che costituiscono la parete protettiva vescicale c’è l’acido ialuronico, la cui carenza può costituire la causa di una maggiore predisposizione delle vie urinarie a infiammazione e irritazione associate alle cistiti.

 

La protezione delle vie respiratorie

Anche l’apparato respiratorio può beneficiare degli effetti salutari svolti dall’acido ialuronico: la sua azione coadiuvante aiuta infatti patologie respiratorie quali laringiti, sinusiti, riniti, tracheiti e tonsilliti. Esso si distribuisce sulla mucosa aerea, agendo come una sorta di film protettivo, che favorisce la fisiologica funzionalità respiratoria, specie in presenza di stati irritativi e infiammatori acuti o cronici.

In farmacia è possibile trovare soluzioni e polveri di acido ialuronico, sotto forma di sale sodico, da nebulizzare mediante aerosol o da inalare direttamente con specifici dispositivi. Indicati nel trattamento coadiuvante delle vie respiratorie, questi presidi ripristinano la funzione protettiva della mucosa respiratoria e agevolano la rimozione meccanica di allergeni e di agenti potenzialmente patogeni dalle vie respiratorie.

 

Le articolazioni scricchiolanti

L’acido ialuronico rientra, infine, anche nella composizione della cartilagine articolare e del liquido sinoviale, che rivestono ossa e articolazioni, proteggendole dall’attrito e lubrificandone il movimento. Nei casi di dolore causato dall’artrosi articolare, le infiltrazioni a base di acido ialuronico sono particolarmente efficaci perché consentono di ristabilire l’equilibrio biologico articolare grazie alla loro naturale azione lubrificante.

Anche gli integratori formulati con glucosamina, condroitina, metilsulfonilmetano (MSM), acido ialuronico e collagene, rappresentano un toccasana per l’organismo. Questi supplementi alimentari trovano impiego come coadiuvanti delle terapie antinfiammatorie delle articolazioni e risultano, inoltre, particolarmente utili nel sostenere le articolazioni degli sportivi, ritardando la consunzione della cartilagine e la conseguente comparsa della rigidità articolare.

Autrice articolo: Barbara Riciardi